Intercapedine ventilata

Il vespaio aerato o vespaio ventilato è una camera d’aria, o comunque un vano isolante, che si realizza nelle costruzioni sotto il piano di calpestio al fine di migliorare le condizioni dell’ambiente abitativo, in particolare al fine di separare la superficie di sedime dalla soletta abitabile inferiore così che non sia attinta da esalazioni, effiorescenze o altre contaminazioni.

Vantaggi

La realizzazione del vuoto sanitario con l’uso di cupolini per vespai permette di migliorare le qualità abitative andando a creare una camera di ventilazione sotto il piano di calpestio. 

Il ricircolo d’aria, che si viene a formare all’interno del vespaio, mitiga l’umidità interna convogliandola con eventuali gas nocivi come il gas Radon, all’esterno degli edifici.

Inoltre, è ideale nel caso di presenza di riscaldamento e/o raffrescamento a pavimento in quanto l’isolamento è disposto verso l’esterno e la massa della caldana è interna e funge da accumulatore energetico, aiutando l’impianto a mantenere costante la temperatura interna degli ambienti. 

In questo modo si eliminano i picchi termici e si ha una temperatura radiante pressoché costante che garantisce una sensazione di elevato comfort per gli abitanti.

 

Nel De Amicis

Il vespaio ventilato realizzato è del tipo «Iglù», realizzato con casseri a perdere in plastica a forma di cupola, sulla quale viene gettata una soletta in calcestruzzo armato di spessore di circa 6 cm la quale poggia su pilastrini nei vuoti tra una cupola e l’altra. 

L’intercapedine formato dalle cupole è collegato con l’esterno dell’edificio mediante un sistema di griglie di ventilazione che consentono l’eliminazione dell’umidità e dei gas nocivi.